Carrello 0
0
CARRELLO
PROFILO

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello

Decluttering vestiti: come farlo al meglio

12/07/2021

Decluttering vestiti: come farlo al meglio
Il decluttering è uno stile di vita che aiuta a disfarsi degli oggetti inutili per fare spazio  a nuove cose nella propria casa e, in modo meno letterale, anche nella vita. Tra gli oggetti a cui applicare questa filosofia del “less is more” il decluttering dei vestiti è sicuramente una delle attività più utili.

Se ogni volta che apri l’armadio ti ritrovi sommersa dai vestiti e non riesci mai a trovare quello di cui hai bisogno, forse è proprio arrivato il momento di mettere in ordine e disfarti dei vestiti che non usi più.

Anche se può sembrare un’attività lunga e faticosa, con un po’ di organizzazione e tanta buona volontà riuscirai a fare decluttering dei tuoi vestiti, in modo da non avere più il solito problema del “cosa mi metto?” e, contemporaneamente, riuscire a ottenere più spazio per i tuoi nuovi capi.
​​​​​​​
Ma da dove iniziare? Ecco una breve guida per fare decluttering nel tuo armadio.


Decluttering dell’armadio: cosa non buttare

Partiamo dalla parte più semplice, cioè cosa salvare. Sicuramente tra i vestiti da non buttare, a meno che non siano eccessivamente consumati o scoloriti, ci sono gli evergreen ad esempio:
  • Tubino nero;
  • Pantaloni neri;
  • Camicia bianca;
  • Capi con colori neutri.
Questi vestiti, infatti, possono essere usati per decine di abbinamenti, dai più eccentrici ai più formali, senza passare mai di moda. Tienili sempre a portata di mano nel tuo armadio perché avrai presto modo di usarli.


Come fare decluttering dei vestiti?

Scartati i capi che possono sempre tornarci utili, arriva la parte più difficile: disfarsi dei vestiti che non servono più.

Anche se a quella maglietta di topolino o ai jeans a zampa di elefante che usavi alle medie possono essere legati a molti ricordi, non è eliminandoli che cancellerai quei ricordi. Al contrario, potrai avere modo di riempire il tuo armadio con capi nuovi che rispecchiano quella che sei nel presente, o che magari aspiri a diventare.

Ecco quindi i passaggi fondamentali per fare decluttering dei tuoi vestiti.


1. Analizza il contenuto dell’armadio

Fai un’analisi obiettiva, chiediti quante volte hai utilizzato quel kaftano dal sapore orientale nell’ultimo anno. Se la risposta è mai, è il momento di disfartene.

Non ha senso continuare a conservare vestiti senza mai indossarli, anche se quando li abbiamo acquistati ci sono sembrati l’affare del secolo. E non limitarti semplicemente ai vestiti, anche borse, scarpe, sciarpe e accessori occupano spazio e, spesso, non vengono usati da anni.

Stesso discorso va fatto per gli abiti cloni: è una cosa che capita a tutti quella di continuare ad acquistare abiti simili tra di loro che variano per un solo particolare, come il colore o la fantasia.

Se un vestito ci sta bene pensiamo che valga la pena acquistarne altri simili. Ma è anche questo il senso del decluttering dei vestiti, uscire fuori dalla comfort zone e aprirsi a nuove prospettive.


2. Dividi i vestiti in 3 scatole

Prepara tre scatoloni per gli abiti da conservare, gettare e vendere/donare.

I capi usurati, macchiati in maniera irreparabile o addirittura bucati sono da gettare. Quelli in buono stato, ma che non usi mai o non sai come abbinare, possono essere donati o venduti in qualche mercatino dell’usato come il nostro.

Vendere i vestiti usati che non vuoi più ti permette non solo di fare decluttering del tuo armadio, ma anche di guadagnare denaro da reinvestire in nuovi capi. In più, riciclando il tuo abbigliamento puoi combattere lo spreco e salvaguardare l’ambiente.


3. Pulisci

Dopo aver tirato fuori tutti i capi, approfittane per dare una bella pulita all’armadio. Passa l’aspirapolvere, spolvera gli scaffali, pulisci i cassetti e gli specchi.

Vedere l’armadio pulito ti darà una gratificazione immediata e la voglia di continuare a mettere in ordine anche le altre parti della casa: provare per credere.


​​​​​​​4. Riordina l’armadio

Una volta che avrai deciso quali vestiti tenere disponili nell’armadio in modo funzionale, ad esempio dividendoli per abbinamento o occasione d’uso. Gli abiti che usi più spesso e gli evergreen che non passano mai di moda meritano un posto d’onore, mentre gli abiti per le occasioni speciali possono essere riposti in spazi dedicati.

Piega bene le magliette in tre parti e riponile in verticale nel cassetto, in questo modo ti sarà più facile tirarle fuori senza scompigliare le altre.

Fai attenzione anche alle grucce: quelle ricoperte di raso o stoffa sono perfette per i capi delicati, mentre quelle di legno per gli abiti su misura. Cerca di evitare le grucce troppo spesse che occupano spazio e scegli quelle più sottili, facendo attenzione al fatto che non deformino i vestiti.
Infine, ricorda che divisori, cesti e mensole ti aiutano a tenere in ordine l’armadio e ti permettono di risparmiare spazio.

​​​​​​​Ma ricorda, dopo aver finito di ordinare, dovrai continuare a darti delle regole per evitare di ritrovarti in poco tempo nella situazione di partenza.
​​​​​​​
Seguendo questi semplici consigli potrai fare il decluttering dei vestiti in modo facile e senza perdere tempo, inoltre riuscirai a mantenere l’armadio sempre ordinato e funzionale.